MENU

CENTRO PER LE DIPENDENZE

ATTIVITA'

IL PROGRAMMA
Il programma intensivo di riabilitazione dalle dipendenze è finalizzato a riabilitare persone che soffrono di dipendenza da sostanze e/o di dipendenza senza sostanze.
In particolare è indicato nei casi di:
  • Ludopatia (dipendenza da gioco di azardo)
  • Dipendenza da internet
  • Shopping compulsivo
  • Dipendenza da hashish - marijuana
  • Dipendenza da cocaina
  • Dipendenza da alcool
  • Dipendenza affettiva
IL PERCORSO
Il percorso si articola in incontri psicopedagogici e di psicoterapia individuali e di gruppo che si svolgono:
dal lunedì al venerdì dalle ore 15:00 alle ore 19:00
 
Ciascun incontro affronta una tematica specifica. 
La durata base del programma è di 5 settimane, per un totale di 100 ore.

LA METODOLOGIA
Attraverso le diverse professionalità dei conduttori si affronterà la riabilitazione dalla dipendenza con momenti terapeutici:

• Individuali
• Familiari
• Di gruppo
 
E a diversi livelli: 
  • Economico
Spesso la dipendenza porta ad indebitarsi e in particolare nel caso della dipendenza da gioco si continua a giocare e quindi a indebitarsi, con la speranza di una vincita che aiuti ad appianare il debito che invece aumenta sempre di più. Da qui la necessità, in prima istanza, di stilare un piano realistico di rientro della situazioni debitoria, e. in seconda istanza di una programma finalizzato all’acquisizione di una disciplina di gestione responsabile nelle proprie finanze.
  • Psicologico
Si fonda sulla capacità del dipendente di recuperare le risorse intrapsichiche e relazionali perdute e di abbandonare comportamenti ripetitivi, compulsivi e inadeguati al contesto di vita, cristalizzati nel tempo. Lo scopo è il raggiungimento di uno stato di benessere  personale attraverso l'intervento psicologico e il sostegno delle "parti sane", e delle capacità di adattamento creativo, che ogni individuo possiede e può recuperare.
  • Pedagogico

Si articola in una serie di interventi che insegnano al dipendente come modificare il suo stile di vita, il suo rapporto con la collettività (anche quindi con la famiglia, di origine o acquisita, che è un anello centrale dei suoi rapporti interpersonali) 

La dipendenza si cura soprattutto attraverso un’educazione alla relazione vera e allo svolgimento di una vita stupefacente!  

  • Di Comunità

Si articola in incontri rivolti alla famiglia, agli amici, ai colleghi di lavoro ecc. che sono coinvolti e spesso, inconsapevolmente, alimentano il problema, per incapacità di affrontarlo e di aiutare il dipendente in maniera funzionale. Lo scopo è di diffondere un cultura di comunicazione e condivisione in un contesto non giudicante e insegnare a tutte le persone coinvolte quali sono i comportamenti efficaci da un lato e quelli inadeguati dall’altro. 

LE ATTIVITA’

  • Psicoterapia multifamiliare 

Sono degli incontri aperti condotti da uno psicoterapeuta a cui oltre agli utenti iscritti possono partecipare tutti i familiari e gli amici che hanno la possibilità e la volontà di aiutare la persona in trattamento.

  • Psicoterapia di gruppo 

Incontri rivolti esclusivamente agli utenti iscritti e condotti da uno psicoterapeuta. 

  • Laboratori creativi/educativi e cineforum

ruota intorno a un punto nodale: la sperimentazione di modi diversi di stare insieme e conoscersi attraverso metodologie ludico-ricreative.

La possibilità di raccontarsi in modo diverso e insolito introduce nelle relazioni una capacità nuova: quella di conoscersi e di apprezzarsi reciprocamente anche e soprattutto nella diversità senza cadere nella tentazione del giudizio.

L'esperienza creativa è particolarmente sintonizzata con il bisogno di dare libera espressione al proprio mondo interiore favorendo l'ascolto di sé e della propria esperienza.

Grazie alle attività proposte si dà libero spazio alle espressioni delle emozioni del partecipante impegnato nel processo di ri-costruzione della propria identità.

GLI OBIETTIVI

Il programma è studiato e strutturato per permettere al partecipante di astenersi dalla dipendenza attraverso:

  • La crescita del senso di padronanza che l’individuo ha sulla propria vita;
  • Lo sviluppo delle strategie di fronteggiamento del carving;
  • L’aumento della capacità di riconoscere e soddisfare i propri bisogni reali;
  • L’incremento di capacità relazionali e comunicative con se stessi, i familiari, amici, colleghi ecc;
  • Lo sviluppo di “life skills” (capacità di comportamenti positivi che consentono all’individuo di trattare efficacemente con le richieste e le sfide della vita quotidiana);
Il superamento del senso di impotenza che si prova dinanzi a situazioni stressogene, di emergenza o pericoli

I PARTECIPANTI

La possibilità di partecipare al programma è subordinata ad una selezione attraverso uno o più colloqui individuali, volti a verificare il grado di motivazione della persona e la sua disponibilità ad aderire alle seguenti norme e regole imprescindibili del programma:

• La discrezione e la confidenzialità

• Esclusione di osservatori casuali

• L’assenza del giudizio

• L’impegno a seguire le indicazioni dell’equipe 

I CONDUTTORI

Equipe psicologico, psicoterapeutico e pedagogico dell’Istituto Gestalt di Puglia srl