MENU

OMOAFFETTIVITA’ E OMOGENITORIALITA’

6 e 7 Maggio 2017 – Istituto Gestalt Di Puglia, Arnesano (Le)

Consulenze e percorsi psicologici per persone gay, lesbiche e bisessuali e famiglie “non tradizionali”

Percorso formativo teorico-esperienziale per psicologi e psicoterapeuti

Quali sono le ragioni che si pongono alla base di una corso di formazione sul tema dell’omoaffettività e dell’omogenitorialità? Gli omosessuali sono forse persone che hanno bisogni speciali e che necessitano dunque di trattamenti speciali? Di quale competenza specifica ha bisogno uno psicologo o uno psicoterapeuta per fornire un’adeguata consulenza psicologica o per garantire un adeguato percorso psicoterapeutico a persone non eterosessuali?

Le persone omosessuali o bisessuali non hanno bisogno speciali, sebbene nelle loro vite ricorrano temi simili e specifici, che spaziano dal supplementare compito evolutivo di bambini e adolescenti nello sperimentare una preferenza affettiva e un’attrazione erotica verso persone dello stesso sesso in assenza di copioni sociali riconosciuti, alle sfide esistenziali del coming out, del fare coppia e del fare famiglia all’interno di una società che solo di recente ha iniziato a dare qualche forma di riconoscimento giuridico a legami affettivi “non tradizionali”. Un psicologo o un terapeuta può certamente mettere in campo nella relazione di aiuto, tra le altre competenze professionali (e umane), la propria capacità empatica e il proprio interesse per l’altro al fine di esplorare e com-prendere tali tematiche, accompagnando il paziente nel loro dis-velamento. Questa possibilità di co-costruire – terapeuta e paziente insieme - una conoscenza in itinere viene però messa spesso in pericolo da pregiudizi e stereotipo diffusi, che affondano le proprie radici in terreni nutriti di informazioni non corrette, veicolate ideologicamente e culturalmente e spesso fuori dalla consapevolezza del singolo.

La necessità che rende fondamentale una formazione e un training specifici su tali tema è data, dunque, da una preoccupante costatazione che emerge da varie ricerche italiane e internazionali: nonostante l’omosessualità sia stata derubricata dal Manuale Diagnostico dei Disturbi Mentali da più di quarant’anni, persistono molti pre-giudizi negativi nei confronti delle persone omosessuali anche tra i professionisti della relazione di aiuto (Bartlett, Smith, King, 2009; Lingiardi, Capozzi, 2004; Lingiardi, Nardelli, 2011); pre-giudizi che, in quanto tali, non sono giustificati da evidenze scientifiche o dati di ricerca e che possono quindi minare il buon esito di un lavoro clinico, rendendolo in alcuni casi non solo fallimentare ma persino dannoso.

Per tali ragioni, il percorso formativo in oggetto è stato pensato con l’obiettivo di affrontare e chiarire i significati psicologico-sociali propri dei concetti di identità, genere, orientamento sessuale e omogenitorialità. In particolare, gli incontri saranno strutturati con l’intento di mettere i partecipanti nella condizione di riflettere, attraverso la narrazione di racconti di vita quotidiana e professionale, sulle proprie e sulle altrui convinzioni, credenze, dubbi, immagini mentali sul tema oltre che sulle questioni sociali ad esso connesse, e di confrontarle coi i più importanti dati di ricerca internazionali.

Un obiettivo specifico sarà quello di affrontare e chiarire i significati e i processi di formazione di stereotipi e pregiudizi, di come questi influenzino molte realtà relazionali nei maggiori contesti di interazione sociale, fino anche a interessare le relazioni di aiuto ed i setting psicoterapeutici.

PROGRAMMA SABATO 6 MAGGIO

9.00 Saluti introduttivi dei rappresentanti dell’Istituto, dell’Enpap e dell’associazione DifferenteMente
9.30 Presentazione del corso di formazione e introduzione teorica
11.00 workshop teorico- esperienziali: omoaffettività, stereotipi e pregiudizi
13.00 pausa pranzo
14.00 workshop teorico-esperienziali: I temi dell’omosessualità nella consulenza psicologica 16.30 plenaria e supervisione
18.00 conclusioni

DOMENICA 7 MAGGIO

9.00 inizio dei lavori
9.30 introduzione teorica
11.00 workshop teorico-esperienziali: generatività, procreazione e genitorialità
13.00 pausa pranzo
14.00 workshop teorico-esperienziali: famiglie non tradizionali. Dalle ricerche internazionali alla stanza dello psicoterapeuta
16.30 plenaria e supervisione 18.00 conclusioni

DOCENTI

Alessandro Taurino, psicologo e docente di psicologia clinica presso l’Università di Bari Chiara Monti, psicologa e psicoterapeuta della Gestalt

TUTOR D’AULA

Anna Maria Cagnazzo, psicologa e psicoterapeuta della Gestalt

COSTI

50,00 euro + iva

Per gli iscritti all’Enpap è prevista una riduzione del 20%

Il corso si svolgerà presso l’Istituto Gestalt di Puglia, via De Simone 29 – Arnesano (Le)

PER INFO E PRENOTAZIONI: info@apuliagestalt.it, tel-fax 0832 323862

FORM DI ISCRIZIONE

Articolo: OMOAFFETTIVITA’ E OMOGENITORIALITA’

Data e Luogo: 6 e 7 Maggio 2017 – Istituto Gestalt Di Puglia – Arnesano (Le)

Ai sensi degli artt. 46 e 47 del Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamenti in materia di documentazione amministrativa, approvato con D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 DICHIARA Sotto la propria personale responsabilità di essere consapevole delle conseguenze anche penali cui può andare incontro in caso di falsità in atti e dichiarazioni mendaci (art. 76 T.U.).
Il numero dei posti è limitato (sarà rispettato l’ordine di arrivo delle richieste). Non saranno prese in considerazione iscrizioni incomplete o illeggibili.
ARCHIVIO NEWS