MENU

EVENTI A LECCE E BARI

LE FORME DEL SE’: Artista è colui che fa della propria vita un’opera d’arte

23 ottobre, Arnesano (LE)
 
LE FORME DEL SE’

Artista è colui/lei che fa della propria vita un’opera d’arte

Il laboratorio prevalentemente esperienziale si propone come una ricerca personale attraverso l’uso di un mediatore artistico che aiuti ad arrivare lì dove le parole non arrivano, promuove lo sviluppo della consapevolezza di sé, del proprio vissuto emozionale e del modo di essere in relazione con l’altro.
Imparare a stare in contatto con le emozioni ci rende consapevoli del nostro modo di espressione individuale nel contatto con l’ambiente e risveglia la capacità di sperimentare se stessi come attori delle proprie azioni.
L’argilla è una sostanza minerale che impastata con l’acqua dà una massa malleabile, adatta ad essere plasmata nella forma desiderata.
Cambiare forma seguendo il nostro sentire e adeguarla alla nostra volontà è una metafora del cambiamento che passando dalla consapevolezza di sé permette di modellare il proprio essere al mondo con intenzionalità e creatività.
Il laboratorio è aperto a tutti coloro che sono interessati a sperimentare se stessi in modo creativo, non è richiesta alcuna competenza in campo artistico.

Dove e quando: domenica 23 ottobre dalle ore 9.00 alle ore 18.00 presso l'Istituto Gestalt di Puglia, Via De Simone 29, Arnesano

Conduttori: 
  • Annalisa Antonucci, psicologa psicoterapeuta della Gestalt 3342617413
  • Maria Titti Indennitate, psicologa psicoterapeuta della Gestalt 3312476564
Costo: 50 €

Per informazioni e prenotazioni, contattare:

FORM DI ISCRIZIONE

Corso: LE FORME DEL SE’: Artista è colui che fa della propria vita un’opera d’arte

Data e Luogo: 23.10.16

Ai sensi degli artt. 46 e 47 del Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamenti in materia di documentazione amministrativa, approvato con D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 DICHIARA Sotto la propria personale responsabilità di essere consapevole delle conseguenze anche penali cui può andare incontro in caso di falsità in atti e dichiarazioni mendaci (art. 76 T.U.).
Il numero dei posti è limitato (sarà rispettato l’ordine di arrivo delle richieste). Non saranno prese in considerazione iscrizioni incomplete o illeggibili.